Categoria | Agipsyinthekitchen | Home

45 sleeps until christmas

Ottina con abito preferito in showroom, sotto l’albero: Ottolina for first lady!
Barack Obama ha messo una tassa sugli alberi di Natale: Obama mi hai deluso.
Tu, che ti facevi portatore dei più alti valori americani, quale la apple pie, halloween, il tacchino farcito e il taglio della zucca. Tu, proprio tu. Come hai potuto fare una cosa del genere?
Questo è un colpo basso, se fossi borned in the USA, farei un picchetto fuori dalla tua magione bianca e mi travestirei da Miss Santa Claus, fino a che tu, proprio tu, non ti vedresti costretto non solo a togliere questa abominevole tassa, ma pure a usare Silent Night come nuovo inno nazionale e a regalare christmas tree a tutti.
Sei un Grinch.
E non ti appellare al fatto che vuoi solo incentivare la vendita di abeti veri per l’ambiente.
Non ci crede nessuno.
Quanti grinch ci sono in giro?Troppi.
In primis fidanzato che non mi permette di addobbare la casa fino all’Immacolata, e mi costringere ad iniziare la corsa all’acquisto dal 1 dicembre.
Ma io non mollo, sono peggio di una lima sorda.
il nostro albero in showroom- work in progress –
Ho fatto l’albero in ufficio, scaricato tutto l’album di Micheal Bublè con le canzoni di Natale – parliamo della bellezza della versione di White Christmas con tanto di duetto con Shania Twain- e, non paga, l’applicazione Christmas! sul melafonino, suggeritami da Chiara, che anche lei, come me, adora questo periodo dell’anno.
E il bello di questa applicazione è che ti fa proprio gustare l’attesa, con tante sorprese che però si aprono solo a dicembre.

In pausa pranzo prevedo tappa al Christmas Village, e a Dio piacendo, se oggi riesco ad uscire in orario decente per preparare io una cenetta al mio amore, riproverò a fare i mini pandorini.
Kate, ora

Kate, prima
Come si cambia per amore, parte due: ieri ho parlato di come Ottolina sia diventata una saetta con i mezzi pubblici e una cuocca provetta. Oggi parlo della nostra kate, che da bella e dannata, si è trasformata in splendida e chioccia: al mare con la figlia, dopo il bellissimo e romanticissimo e soprattutto tradizionalissimo matrimonio. we always love you Kate!
Ieri sera in autostrada, dopo essere stata per l’ennesima volta sorpassata e abbagliata, sono giunta a una riflessione: odio tutti i guidatori di Suv e affini. Ma chi vi credete di essere?C’è un limite di velocità, che io già con la mini supero abbondantemente. Se voi mi superate, a vostra volta, vuol dire che siete ben oltre a questi limiti.
Solo perchè avete macchinone tamarre non vuol dire che possiate abbagliare e seminare terrore e panico nella corsia di sorpasso sulla Como laghi.
Poi tu guarda la coincidenza: la maggior parte sono targate svizzere.
Venite da noi a fare i bulli, senza il minimo rispetto.
Eh si, perchè in territorio elvetico vi blinderebbero. Conigli! E pure poco gentiluomini.
Inizia la mia crociata contro queste macchinone, oltretutto super inquinanti.
Shame on you!
Motivi per essere felice oggi:
– ieri sera il mio fidanzato mi ha preparato una cenetta buonissima.
– ho comprato il primo mini panettoncino che sarà mangiato per merenda.
– ho ritrovato un vecchio e caro amico a cui voglio molto bene e che rivedrò prestissimo.
-è giovedì. -1 a venerdì. e questo weekend mi alzo dal letto solo per raggiungere la mia fidata estetista dove ho fissato tutto quello che potevo fissare – mani-pedi, cerette varie, massaggio, scrub e trattamento al viso- , per andare a cena al Ristorantino con Gea e per preparare un ghiotto brunch per Moss e Marghe domenica. Domenica sera abbiamo anche un concerto al Blue Note: riuscireo a convincere il mio orso ad andare?
– Arrivano i miei occhiali color fragola ciliegiata con tanto di lenti da orba. Ottolina quattrocchi da questa sera. Mi sento già pervadere da quel fascino da sexy intellettuale alternativa.
– il bellissimo editorial uscito su flair con la nostra tutina.
print

Print

Leave a Reply

Your email address will not be published.