Categoria | Agipsyinthekitchen | Home

Buona come il pane

Buona come il pane.
Che non vuol dire che puoi passarci sopra con un mattarello e schiacciarlo, senza nessuna conseguenza.

Buona come il pane vuol dire zucchero, morbidume e dolcezza.

Friabilità, comfort, sicurezza.
Profumino buono diffuso nell’aria, convivialità, trait d’union tra persone.
Ma non solo questo.
Vuol dire avere le palle per reggere qualsiasi atmosfera e combattere per difendere ciò che è proprio, issarsi contro chiunque che metta in dubbio i propri valori, la propria forza o il proprio essere all’altezza.
Il pane è sempre all’altezza di tutto.
Il pane ha fatto la storia.
Regge temperature altissime, è buono da impastare, è malleabile e appunto, in una parola, buono.

E sono tutte qualità positive, sfido chiunque a dire il contrario.

Il pane è desiderato, cercato e voluto in ogni paese e nazione.
Addirittura, alcuni ricercatori hanno scoperto che il pane protegge da infarti e certi tipi di tumore.
Si va sempre fieri di questo alimento così prezioso, ricco eppure semplice nella sua inconfondibile virtù.
Per cui ecco la mia torta di pane.
Da fare quando avete il pane raffermo, perchè non si butta mai via nulla….e buttare questo alimento, è peccato mortale.
Ricordatevi, come diceva la mia nonna, che Gesù scese da cavallo per una briciola di pane.

Apriamo la dispensa:
2 uova
cranberries
1 buon rhum
1 litro di latte
pane raffermo
zucchero a velo qb (in realtà non ci vorrebbe…fate vobis)
cannella qb
1 pizzico di noce moscata
vaniglia qb
cioccolato

Ottolina’s Bread Pie

Lasciate riposare il pane dentro il latte per una notte, in frigorifero.
Poi, togliete il latte in eccesso, e impastate il pane con uova e zucchero.
In un pentolino, a fuoco dolce, fate rappendere i cranberries con il rhum .
Fate sciogliere a bagno maria il cioccolato.
Versare nel composto di pane, zucchero, e uova sia il cioccolato,i cranberries, e impastare ancora un poco.
Unire cannella, noce moscata e vaniglia
Mettere tutto in uno stampo e infornare a 180°C per 30 minuti circa.
Les jeux sont fait!
Direi perfetta torta in questo febbraio così freddoloso.

Questa mattina mi sono svegliata prestissimo perchè avevo ancora un bucato da stendere e un altro da far partire, e volevo preparare la nostra colazione.
Ero talmente poi, presa e impegnata a studiare un look anti freddo per affrontare i -12°C che mi sono dimenticata gli occhiali: comunque, sopra vedete il risultato…sorrel, cachemire tights – Calzedonia rules!- e prendendo spunto da uno status updated della mia Sara che diceva che ad Amsterdam sovrappongono cappotto e giacca da sci, ho messo Moncler sotto, e sopra cappotto di Stella.
Ovviamente sciarpa e para orecchie e devo dire che Ottolina è safe from the cold.
Da notare anche il meraviglioso color sabbia dei miei capelli, fatto dalla Susy. Amo molto.
Trovate ciò che manca?
Niente rossetto: per sopperire alle labbra screpolate ho trovato un fantastico burro cacao che si chiama efriviral labiale.
Comunque se il buongiorno si vede dal mattino, questo lunedì è pessimo e se è il prodromo della settimana incalzante, beh andiamo a Surriento e accendiamo ceri, a mo’ di Pina Fantocci.
Oggi comunque sono molto in versione Oronza: dopo le abbuffate del weekend, ho quasi paura ad avvicinarmi alla bilancia.
Nonostante questo, a pranzo con Annalisa la cara, oltre ad una tappa dovuta alla Coin per comprarmi le nuove creme di cui sopra – ma è mai possibile che in zona Tortona non ci sia una profumeria ben attrezzata?- e una cornice per mettere la nota che Stella mi aveva inviato a Natale (” keep up the good, Love!”. Non è da tutti ricevere un bigliettino da una bravissima top stilista, nonchè pure figlia di una delle leggende moderne..quindi dai…qui ci sta che me la tiri un pochetto.Anche perchè tutto ciò che ho è stato duramente conquistato con sangue – quello dei miei piedi obbligati in stiletto tacco 12 – sudore – il mio, che produco ad ogni conf call con i miei americanoni- e lacrime – ebbene si sempre le mie: lacrime di paura quando partivo da sola con la mia valigetta alla volta della grande mela o di boston per fare stage o esami universitari per dare corpo e sostanza alla mia preparazione, lacrime di rabbia, quando ingoiavo rimproveri e isterie poco giustificati da cape e capette, lacrime di nostalgia, quando dovevo partire tutta sola in macchina alla volta della Spagna per cercare potential clients per Jil Wonder, lacrime di scoramento davanti ai libri e alle formule di economia politica, ulktimo esame prima della laurea, da me temuto persino più del mio banchiere o dell’estratto conto mensile della Visa…eddaiquindi!Fatemela tirare un pochino e gongolare incorniciando questo biglietto!)
Cose, oggetti e pensieri degni di nota, oggi:
– è uscito il mio primo articolo su Cosebelle Magazine: enjoy!
– mi è arrivato in ufficio un bellissimo pacchettino con all’interno un libro e un blush bellissimo. Ringrazio colui/colei che mi ha mandato cotanto dolce pensiero,ma la prosisma volta se mettete un bigliettino, almeno posso ringraziare calorosamente!
– presi da Coin casa set da due con piatto e ciotolina tres shabby chic. io ora donna felice.
– God save the Queen!60 anni di regno di Elisabetta.In liz we trust. Domani mangerò una cupcake e brinderò in tuo onore, my darling Queen.Buon Diamond Jubilee Ma’m.60 anni di regno vissuti spregiudicamente, sotto stress, sempre (o quasi) con il sorriso sulle labbra da vera professionista, capace di reggere il peso della responsabilità con naturalezza. e per festeggiare l’evento c’hai pure cambiato le regole di successione, così che la pulce che nascerà da kate e willy, se appunto sarà primogenita e femmina, potrà comunque divenatre regina, anche se poi ci sarà un baby boy subito dopo, come fratello.
Come dire, girl power.
E noi abbiamo così tanto bisogno di offrire al mondo donne toste come te.
You rock hon!
print

Print

18 Comments

  • Ricciardi!!! Tu parli dell’esame del temutissimo Ricciardi, vero?!?! Anch’io l’ho tenuto per ultimo prima della laurea!!!

  • A...nonima says:

    Il top della mia Otta Addiction l’ho raggiunto oggi: leggerti durante la colazione con la torta al cioccolato!YOU rock,hon!!! Love love love x teeee

    • alice says:

      Cara a…nonima che dire? Sei troppo carina!

    • alice says:

      Ps mandami la ricetta della tua torta!

    • A...nonima says:

      già…ma la ricetta delle ciambelle????
      ps. la mia torta al cioccolato è una semplicissima torta al cioccolato sofficissima grazie agli albumi montati a neve a parte e farcita di una crema fatta da nutella sciolta a bagnomaria con del latte e noci tritate….
      un 8000 calorie a fetta, ma di PURA GODURIA!!!! :))
      bacinissimi per te

  • Aliii voglio sapere il nome del rossetto ciliegia!!! 🙂 p.s. ieri è finita la selling campaign…ahhh da oggi si respira!!! a giovedì mia adorata!

  • Anonymous says:

    Cara Alice, grazie come sempre per i tuoi post sempre così ironici ma anche tanto profondi (condividi i tuoi ricordi con noi, e sempre mi commuovo)
    ti do la mia ricetta di torta di pane (della mia nonna, mamma),spero ti piaccia:

    Ingredienti
    1 l di latte, 500 gr di pane secco,
    2 uova intere,
    un po’ di scorza di limone,
    200 gr di zucchero,
    1 presa di vaniglia
    (zucchero vanigliato),
    100 gr di cacao,
    100 gr di pinoli,
    120/140 gr di frutti canditi misti (uvetta, cedri e arancia),
    2 cl di grappa nostrana,
    100 gr di burro,
    1 pizzico di cannella

    Esecuzione
    Mettere il pane nel latte per una notte poi aggiungere le uova, il limone, lo zucchero, il burro, i pinoli (tenendone alcuni per decorare la superficie della torta), i frutti canditi misti, la grappa, la vaniglia, la cannella e da ultimo, rimestando lentamente, il cacao. Mescolare bene l’impasto fino a renderlo bene amalgamato e morbido. A questo punto versare l’impasto nella teglia che, precedentemente avrete ben imburrato. Sopra la torta mettere qualche fiocco di burro e alcuni pinoli. Mettere nel forno, preriscaldato a 180-200 gradi per la durata di circa un’ora.
    Buon appetito!!
    ps.: a noi in famiglia i canditi non piacciono, quindi non li metto, metto solo l’uvetta, certe volta aggiungo anche amaretti tritati. Il cacao va benissimo anche Neskuik etc…

    …e la ricetta delle ciambelle???

    buona giornata Elena

  • Sara Bertoni says:

    Wow, ricetta fantastica Alicina! Grazie mille, da provare subito! Adoro colore capelli, borsetta verde acido e monclear con sopra cappotto..hi hi…. Baci grandi

  • Anonymous says:

    Buona la torta al pane…anch’io la faccio, con qualche variante e nella versione più “popolare” alle mele!
    Ps. incorniciare ed esibire con orgoglio!! io incornicerei una fotocopia a colori …e terrei l’originale in cassaforte !!! Nina

Load More

Leave a Reply

Your email address will not be published.