Categoria | Agipsyinthekitchen | Home

Chiedimi se sono felice ( o quanto meno stress-free)

Questa settimana è la annalisamana. Ovvero la settimana dedicata ad Annalisa la cara, alla quale hanno stropicciato il cuoricino.

Quindi, ci stiamo dedicando a succulente colazioni da That’s bakery, composte da cupcake – sono una cupcakes stalker- e pancakes, cappuccini e tè al gelsomino fumanti bevuti sotto un rincuorante caldo primaverile.
Oggi ho anche settato Otta su un new mood: quello raggiante e positivo, che neanche la peggiore delle PMS possono abbattere.
Ovvero: va tutto bene.
Punto.
Sempre.
Soprattutto nonostante gli “anche se” e i “ma”.
La primavera è qui, l’estate è dietro l’angolo, a breve si parte per gli Hamptons ( se riesco a convincerLo che non andare negli Hamptons a Pasqua è come guardare l’Italia ai mondiali di calcio senza pizza e birra) e New York ( questo è uno statement) , ho trovato il migliore fisioterapista del mondo ( 120 kili di uomo per un metro e 80cm di altezza) che con quattro mosse di karate ci – me e la mia schiena dolorante – ha rimesso al mondo, ed ho scoperto che Martina è la mia gemella siamese – anche se lei è molto più gnocca di me – e condividiamo quindi aperitivi glam sotto i fiori rosa e fiori di pesco, chiacchere in libertà e acquisti sconsiderati.
Riflessioni semi serie a parte: basta lamenti, piagnistei e istericismi.
Sono credo nel mezzo di uno di quei periodi in cui non posso fare altro che stare ferma ed aspettare che passi, perchè letteralmente non dipende da me. E non lo dico per resa, ma per quieto vivere unicamente a vantaggio della sottoscritta.
Ieri sera, mentre sdraiata sul divano con coperta, arnica e bull sulla spalla scaricavo nell’ipad il nuovo numero di Elle Italia, ho letto un articolo very interesting: questa bellissima ragazza di 30 anni che dopo aver avuto una diagnosi di tumore praticamente incurabile, ha deciso di concentrarsi su se stessa, eliminando ciò che poteva aver somatizzato.
Ovvero, ha eliminato tutte quelle situazioni di stress che nella sua vita l’avevano fatta tribolare. Poi ha pure elaborato una dieta a base di smoothies di clorofilla, modificando anche tutta la sua alimentazione di base. E ce l’ha fatta. Così aveva fatto anche la mamma di una mia cara amica: 90% di metastasi in tutto il corpo, ma non si arrese. Eliminò la carne, iniziò a fare yoga ogni giorno, chiese (e ottenne) il part time. Adesso sta benone e culla la sua nipotina.
Comune denominatore di queste due storie, a parte il coraggio e la forza di queste donne: lo stress.
Lo stress è il vero male del nostro secolo e trovo allucinante che per la maggior parte venga incanalato per colpa di personcine mediocri e per nulla risolte che sfogano la loro frustrazione e cattiveria, facendo di una qualche posizione di forza un fatto di principio e buon motivo di sottomissione.
Quindi: la vita è una, sacra e meravigliosa.
Bisogna dire basta ai capricci delle vanità e dell’incompetenza altrui, e ascoltare più se stessi.
Prioritize me.
Quality time.
E dico anche: ridurre lo stress, dormire bene, tirare fuori dall’inconscio traumi e preoccupazioni e fare sport.
E, a tal proposito,devo ammettere che i miei 6 km di camminata giornaliera hanno portato i loro frutti: ho scoperto le gambe, complice il bel tempo, e sia la Emi che i muratori seduti fuori dal Carrefour ieri sera le hanno apprezzate. Vuol dire qualcosa no?
Poi Fabiana, da Miami, mi ha fatto la lettura delle carte degli Angeli: trust and integrity come regola base. Dove integrity sta per rispetto verso me medesima, i miei sentimenti e i miei sogni.
Della serie, voglio seguire la Principessa Disney che è in me per combattere lo stress.

Otta=cupcake stalker

Confesso: ho una scatola nella quale sto mettendo piccoli pezzi per Irma. Porterà sfortuna? Ce lo siamo chieste io e la mia gemella siamese proprio oggi, quando anche lei mi ha confessato che ha la stessa scatola per Gregorio e Viola. ( ndr: anche Greg e Violetta sono sulla nuvoletta con Irma che stanno aspettando il momento propizio per saltare sulla cicogna e allietare le nostre vite).
La risposta che mi ha dato è stata. stiamo investendo preventivamente sul loro buongusto.
Amen.
Io ho già un piccolo tutù e un cardigan rosa che è un ammore delizioso.
Domani, che per giunta è il primo giorno del nuovo conto della carta di credito, Gap baby lancia la linea in collaborazione con Diane Von Fustenberg: vuoi non prendere un piccolo prendisole geometrico?
Irma deve subito riuscire a distinguere ciò che è bene da ciò che è truzzo.
E DVF è sempre tanto bene.

Altre cosiderazioni a calce:

  • quando vado da Memem ( il fantastico negozio di Emi in Via Savona 1 a Milano), non riesco a non comprare qualcosa, nemmeno quando in toria la shopping therapy è destinata solo ad Annalisa la cara. Si chiama solidarietà d’acquisto. Compriamo insieme e insieme ci sentiamo (meno) in colpa. Oggi un maglioncino bianco che mi riappacifica con il mondo.Poi ho provato anche bermuda baggy (vedi foto) e camicia, che però ho per ora solo fatto mettere da parte.Ma presto scatterà l’acquisto.
  • non vedo l’ora di sabato per mani, piedi, parrucco e cenetta con tanto di aperò milanese. Vogliamo fare i ggiovani tra i ggiovani.

Oh memem, moi, je t’adore!
print

Print

23 Comments

  • A...lessandra says:

    Condivido!ZERO STRESS IN UR LIFE, SWEETHEART!
    e quando ti si presenta davanti, immaginati con lui, me e il mio lui ad un tavolino sul mare a mangiare insalata di polpo e friselle con pomodorini e origano che ti passa subito!
    E poi tranquilla, New York in Primavera non potrà fare altro che rinnovarti l’anima e il cervello…(e il guardaroba!ihihiih)

    Ti voglio bene chérie e NIENTE e NESSUNO deve toccarti il cuoricino se non sane e mozioni e tantissimo amore, vero e VIRTUALE come il mio! <3

  • Anonymous says:

    mmmm proprio quello che mi ci voleva il tuo post…letto dopo una litigata con la mia collega perche si augura che prima o poi arrivi un collega carino a farmi perdere la testa e lasciarmi con mio marito? ma è possibile augurare una cosa simile? e lei non è vecchia e acida ha 30 anni ed è già divorziata ma perchè l’ha voluto lei (lei si che ha perso latesta x un collega che non la voleva) sono isterica…scusa lo sfogo sul tuo blog, ma cavoli ripensandoci è proprio lo stress che ci fa mael! da domani anch’io mi impegnerò a vedere solo il meglio…
    Grazie Otta un bacio a tutte…
    Ps. io sto iniziando ora a pensare ad un bimbo e se fosse femmina la chiamerei Stella (anche se mio marito lo boccia, dice troppo sa starlette televisiva!!!)
    cicci

    • alice says:

      Ciccci!!
      abbasso la tua collega, viva te!
      prova tenerezza per lei. pensa quanto si sente sola e triste.
      Evviva te, tuo marito e stella nascente futura.
      bisoudoux

    • alice says:

      ( sai cosa farei fossi in te?Regalerei a collega serpe una scorta di bifidus…pensa a quanto si sta rosicando il fegato…accompagnato da un mazzolino di fiori e da un massaggio rilassante…gentilezza contro pugno chiuso. La migliore arma.)

  • Stefy says:

    Cara la mia Otta,
    che dire? sono passata di qua sperando proprio in un bel post carico d’amore per tirarmi su di morale… e magia… l’ho trovato!
    anche io sono in un periodo nero, più che altro tutti mi urlano contro, ma a me non sembra di fare niente per meritarmelo… e allora “quando sei in mezzo alle sabbie mobili muoviti il meno possibile”.
    quello che scrivi è vero, i buoni propositi che fai sono giusti, e vorrei entrare anche io in questo status. ho una madre malata di depressione bipolare a causa del lavoro e dello stress e della cattiveria di gente piccola… non posso permettermi di ridurmi anch’io così!
    e quindi salgo sulla carrozza con te!
    grazie.
    cambiando discorso, che ridere! stai approfittando di Annalisacara per coccolarti! brava! 😉 che voglia di cupcake!!! e di pancake!!
    a settembre farò un giro a nord, preparati!
    un bacio
    Stefy

    • alice says:

      stefy, ti abbraccio ancora più forte del solito.
      Anche la mia mamma soffre della stessa malattia, per gli stessi problemi.
      Ma noi,, proprio grazie a loro, saremo forti e non c lasceremo abbattere da nessuno.
      La tua luce è splendente, non lasciare che si spenga.
      Il mondo è pieno di opportunità, e ti meriti il meglio.
      Ti aspetto per tante coccole, qualche cupcakes e un buon tè caldo.

    • Stefy says:

      a me basta che mi penserai un pochino quando girerai per NY… c’ho lasciato il cuore quattro anni fa…
      siamo forti!
      ti abbraccio più forte anch’io… solo chi lo vive può capire…
      buona serata!
      Stefy

    • alice says:

      Ma certo stefy!tanti cuoricini a te!

  • Anonymous says:

    …Sono la prima? 🙂
    Condivido il mood del momento.
    Come sai ho qualche problemino, o meglio, li ha una persona a me cara e io di riflesso…ma nulla di insormontabile.
    L’importante è continuare a trovare il bello nelle piccole cose di tutti i giorni, anche quando è difficile.
    …come mi piacerebbe unirmi alle session di shopping terapeuticoooooooooo………….

    Ma sai che anche mio marito ha avuto un grosso grosso problema di salute 4 anni fa…e quando ha cambiato lavoro piano piano ha recuperato la percentuale di capacità polmonare persa???…cosa non fa lo stress!

    Un abbraccio a te e uno ad Annalisa

    Elisa

    • alice says:

      ciao elisa!!
      Annalisa la cara ed io accettiamo gli abbracci.
      E te li rimandiamo raddoppiati.
      Tutto si sitemerà.La frase che mi hai scritto l’altro giorno…me la ripeto come mantra.
      Tutto va bene.
      Perchè ce lo meritiamo.
      ti stringo forte
      xxx

  • martina says:

    La otta gemella siamese (nonché futura madre dei due nani malefici che risiedono ancora nella piantagione di cavoli) deve fare un appunto: visto che siamo omozigote è logico che siamo analogamente gnocche. Idem per Irma e Viola, che grazie al nostro shopping faranno impallidire Vita (Elkan) e Suri (Cruise).
    xxx

    • alice says:

      no martiiiii!TUTUTUTUTU solo tu sei gnocchissima. Io ho il nasone.
      per il resto concordo.
      Irma e viola avranno un guardaroba che ciao.
      Lasciamo che i mariti investano in mattone, noi vogliamo vedere appesi nell’armadio i fruttidel nostro duro lavoro

  • Sara Bertoni says:

    Super contenta nel sentirti cosi positiva, e’cosi’la vita. Bisogna godersi ogni attimo perche’e’meravigliosa ! E W la scatola di Irma, stupenda! e si per il prendisole Gap x Diane Von Fustenberg! Sara’una bambina modella, gia’me la vedo:))Con quel musino da furbetto come la mamma.
    Io voglio una sorellina per Kyan, se non arriva quello giusto, mi sa che la adotto 🙂
    Mi dispiace per Annalisa la cara, ma ricordale che se e’ stato un uomo a stropicciarle il cuoricino, lui non la merita di sicuro, come diceva la mia nonnina. Quello che non succede in un anno, puo’succedere in un minuto, quindi W i vestitini super sexy estivi e ci si gode la vita ! Bacini
    ps Devi leggere il libro di James Duigan Clean & Lean Diet, 2 settimane, ho perso 6 kilo solo nelle cosce e fianchi, fantastico !!

  • Frantina says:

    Cara Alice e care Ottagirls,ieri ho passato circa un’oretta in libreria nel reparto self-help, portando a casa un libro che per il momento non si è ancora rivelato un pacco, staremo a vedere! Mi piacciono tutti i vostri pensieri positivi, mi associo! Anzi ultimamente ripeto come un mantra “energia positiva energia positiva” nella mia testolina quando i pensieri negativi mi assalgono!Auguro a tutte noi di riuscire a vivere più serene, in fin dei conti chiediamo solo un pò di serenità!! Alice stai benissimo nella foto! Qui anche fa caldo, non ancora da scoprirsi, a meno che non si sia inglesi e immuni al freddo, ma la primavera sta arrivando!!Buona serata, un abbraccio a tutte voi! V.

    • alice says:

      Ciao V.
      Che libro hai preso?io curiosa!!!
      Un bacino e buona serata a te!

    • Frantina says:

      Dr Steve Peters The Chimp Paradox the mind management Program for confidence, success and happiness. Sono alle prime pagine ma mi ritrovo in pieno nella maggior parte delle descrizioni, ti faccio sapere quando lo finisco il giudizio finale! 🙂

  • GiorgiaEugenia says:

    Cara Otta,

    per fortuna che ci sono amiche specialissime come te che consolano i cuori stropicciati di noi fanciulle addolorate, è meraviglioso sapere che c’è qualcuno su cui contare per ascoltare i nostri tormenti, asciugarci le lacrime, fare shopping compulsivo, mangiare intere scatole di cioccolatini e fare maratone di serie tv sul lettone!

    Tutta la mia solidarietà ad AnnalisaLaCara ❤

    • alice says:

      La fortunata sono io ad avere amiche così meravigliose.
      Quello che faccio io e’ nulla rispetto a quello che mi date voi.
      Un bacino

  • Elena says:

    Ciao Alice ed Ottagirls!
    mi piace questo post “positivo”, te lo dissi già una volta che io ho imparato a “scremare” le conoscenze e a circondarmi solo di persone che mi comunicano positività (compresi i parenti), spesso ricevevo telefonate da amiche a “senso unico”, mi scaricavano tutte le loro ansie ed alla fine della conversazione non mi chiedevano nemmeno come stavo….
    Cara Cicci: ah le colleghe femmine..pensa che l’ultima mia collega è riuscita a farmi licenziare..per ottenere il tempo pieno (ed io che stavo ad ascoltare tutti i suoi problemi..), questa è la vita, in effetti io ho avuto molto meno problemi con i colleghi uomini!
    comunque mi associo a Frantina: energia positiva sempre!!
    Alice e Stefy: abbiate pazienza con le vostre mamme, io se potessi tornare indietro le avrei detto di più quanto le volevo bene..

    • alice says:

      sai elena che appena finito di leggere il tuo commento ho chiamato la mia mamma per dirle quanto le voglio bene?
      Grazie chèrie.
      ti abbraccio.
      E viva noi e abbasso le brutte e cattive!

    • Anonymous says:

      Grazie le donne non soperchè tra di loro riescono ad essere cosi perfide… mi conforto con voi amiche mie!! anzi BBF
      un bacione a tutte
      cicci

Load More

Leave a Reply

Your email address will not be published.