Categoria | Agipsyinthekitchen | Home

Impara l’arte e (non) metterla da parte

Leggevo con curiosità tutte le critiche che ha scatenato Mister Facebook per essersi presentato con una felpa al Road Show ad Harvard.
Io devo dire che non l’ho trovato per nulla inopportuno, ecco.

BTW, è stato mazziato da tutti i siti web disponibili e di moda. Ogni grillo parlante saccente ha dato la sua opinione in merito decretando la morte del buon gusto e la fine di un mito.

Ullallà.
Tuttavia è vero che, come ho scritto più di una volta e come mamma Marina docet, l’abito fa il monaco e un outfit giusto ti protegge non solo da intemperie metereologiche ma pure da stress emotivi. O da brutte figure. O da questi grilli parlanti.
Mi ricordo una volta, quando avevo circa 26, forse 27, anni che mi presentai al mio quinto giorno di lavoro in un nuovo posto presso un’importante agenzia di PR, con un corpetto lilla attillato e chiuso davanti da bottoncini a fiore nero e una gonna vaporosa sopra il ginocchio a fiori lilla e gialli. Dopo 3 giorni sono stata licenziata. Giuro.
E ancor mi chiedo se avessi indossato, quella mattina, un tailleur nero di Armani, ecco, se avesse veramente fatto la differenza.

Ai posteri l’ardua sentenza.
So solo che, per la teoria del contrappasso e del ” si chiude una porta ma si apre un portone”, fui chiamata 6 giorni dopo da Chanel e mi presentai con una (finta) birkin bianca che però faceva la sua figura, un paio di pantaloni neri e una camicia di chiffon rosa chiaro. Sopra, a mo’ di ciliegina, una finta giacca Coco, in tweed.
Ebbi il posto e per circa tre anni non solo fui la press officier più chanelizzata sulla faccia della terra, ma godetti di un universo magico che solo un’esperienza tale mi riuscì a far vivere – giurin giuretta ne parlerò in un altro post.

Ci sono momenti della vita in cui un accessorio e un colore possono veramente determinare il tuo destino.
Che sia uno shorts inaspettato a un primo appuntamento, oppure una bicicletta sfoggiata meglio di una Boston tote, o un arancione abbinato a un fuxia durante un pomeriggio di shopping: ecco, il famoso dettaglio che (poi) farà la differenza ( per la vita).
Con la mia amica Kit, gemella siamese separata alla nascita alla sottoscritta e mia nuova BFF, passiamo le giornate a scriverci email su stili, consiglie e dettagli.
Parliamo di mai e parliamo di sempre.

mai alle calze color carne
sempre al tacco a banana

MAI

mai jeans su jeans.
mai le calze color carne.

mai il letto sfatto – a costo di arrivare tardi, io lo rifaccio sempre.
mai lo smalto sbeccato.
mail i pantaloni neri con la camicia bianca che fa cameriera.
mai il vino rosso d’estate.
mai tagliare l’uovo con il coltello.
mai discutere via email: il miglior modo per fraintendersi.
mai parlare al telefono in luoghi pubblici tipo il treno.
mai taggare le persone a spoposito – Grazie Mr FB per aver inventato ora il controllo del diario.
mai fare rumore con le forchette.
mai ai fiori finti.
mai al sintetico.
sempre blu e nero
sempre fiori freschi
SEMPRE
sempre il profuma biancheria di Dyptique.
sempre le gruccie tutte uguali nell’armadio e possibilmente di legno.
sempre i tacchi a banana, mai quelli a rocchetto.
sempre il blu con il nero e il fuxia con l’arancione.
sempre fare scarpetta alla fine di un meraviglioso sugo.
sempre Prada.
sempre comprare fiori freschi.
sempre leccarsi le dita dopo i fonzies.
sempre avere una lingerie carina.
sempre il bianco puro.
sempre per favore, grazie, prego.
sempre la suoneria in vibrazione del telefono.
sempre il cachemire, il cotone e i materiali naturali.

Ecco.
Buon weekend.

print

Print

33 Comments

  • Roberta says:

    Strepitosa Alice! E direi che non c’è altro da aggiungere…
    Anzi sì, che questo decalogo me lo stampo e vedo di rispettarlo alla lettera!
    Smack

    • alice says:

      ciao roberta!
      sono contenta che ti piaccia il mio elenco…appena poi l’ho pubblicato mi sono venuti in mente altri dieci mai e 15 sempre…li tengo per prossimo post!

      ti abbraccio forte, buon weekend
      alice

    • Roberta says:

      Alice, sei una forza della natura!
      Aspetto con ansia il seguito dei MAI e dei SEMPRE…
      Buona domenica a te ed alle tue lettrici.
      roberta

  • Sara says:

    odio e abborro le calze color carne e il jeans sul jeans da tipo… emmhhh…. fammi pensare…ecco, ci sono, SEMPRE!! felice weekend anche a te ; )

  • Anonymous says:

    Ciao. Non sono d’accordo con gran parte di questo post: credo fermamente che l’abito non faccia il monaco, che il vino rosso si possa bere quando ci pare e che il letto si possa fare quando ci pare. L’importanza è l’interiorità delle persone tutto il resto è fumo e quindi svanisce. Grazie della tua voglia di condividere la tua vita. Simo. PS.: condivido invece “mai discutere via email” e “mai parlare al telefono in luoghi pubblici tipo il treno”

    • alice says:

      ciao simo…ma sei la simo che conosco io?
      comunque, era da un sacco che non scrivevi, welcome back!
      è assolutamente vero quando dici che l’interiorità è tutto e in un mondo perfetto dovrebbe bastare….purtroppo questo non è un mondo perfetto, bensì un mondo che coque, gira che ti rigira, almeno a mio avviso e in base alle mie percezioni, richiede una bella scatola come contenitore di queste belle anime…poi ripeto…anche sec me quello che si ha dentro basta, Poi però interfacciandosi con la realtà…purtroppo e sottolineo purtroppo, non è mai così…anzi a volte ti ritrovi a essere giudicato solo superficialmente, dalle apparenze.
      x quanto riguarda il letto è molto soggettivo..io certo non riesco a dormire in un letto sfatto!!!
      Grazie a te per avermi lasciato il tuo commento!
      buon weekend
      un abbraccio

    • alice says:

      ps. ma veramente ti piacciono le calze color carne?e riesci a bere il vino con 30°C fuori?

    • Anonymous says:

      Ciao Otta! Sì, sono la Simo che conosci! Che memoria: sono una quasi-lurker: ci sono, ma non mi si vede :-). Credo che vivere necessiti di spalle larghe, per questo penso che la forza interiore sia tutto e che il resto sia solo un contorno di cui è opportuno non farsi dipendente, altrimenti la tua forza diminuisce. Tu lavori in un ambiente molto particolare Alice, ti auguro, personalmente, di non rimanere schiava dei principi effimeri che credo imperino nel mondo della moda. Vengo alle tue domande: IO ODIO LE CALZE in generale, uso solo quelle di lana o comunque coprenti in poliammide 91% colorate in inverno con le gonne. In pratica passo da queste alle gambe nude con sommo disappunto di mia madre. Per quanto riguarda il vino, la risposta è sì, riesco a bere il vino rosso anche d’estate! Adoro il vino in tutte le sue forme tutto l’anno! Ti saluto e buon fine settimana.

    • Anonymous says:

      Dimenticavo: le calze color carne, vedendole nelle foto del post, non mi sembrano così oscene, per curiosità, perchè non ti piacciono? Forse perchè rendono la gamba “artificiale”? Simo

    • alice says:

      ciao simo!
      anche io le calze o le uso 80 denari invernali oppure gamba nuda e basta…le calze velate le detesto perché come dici bene tu, rendono la gamba artificiale.
      per tutto il resto concordo…anche io credo che la forza interiore sia tutto, anche se purtroppo bisogna a volte,soprattutto forse x l’ambiente in cui lavoro, infiocchettarla un po’..insomma siamoangeli travestiti!
      🙂

  • Melania says:

    Ottolina, che dire???
    Condivido, e poi Mark Zuckerberg non si è mica presentato in mutande???
    Aveva una felpa e cosa c’è di male
    nella vita dovremmo scandalizzarci per cose ben più gravi, E poi lui e Mister Facebook e può permetterselo!!!
    Anche se l’ abito fa’ ancora il monaco per noi comuni mortali,
    io sono dell’idea che bisogna svestirsi con le cose che più ci fanno sentire a nostro agio ,rispettando sempre il buon gusto.
    Per quanto riguarda i tuoi Mai e sempre condivido ,però aggiungerei anche leggere SEMPRE otta love muffin.

    Buon fine settimana speriamo di sole,
    Melania.

    • alice says:

      melania sei un amore!
      grazie per il tuo appoggio!
      ti abbraccio forte, passa un fab weekend!
      bacini

      ps. x quanto riguarda Mark Z., io l’ho trovato quasi sexy in felpa!
      😉

    • Melania says:

      Ahahaha, Ottolina rileggendo il mio commento ho scritto “Svestirsi” invece di VESTIRSI,ho proprio la testa tra le nuvole..
      Ma spero che si sia capito lo stesso!!!

      Per quanto riguarda Mark non è niente male, e poi un ragazzo sicuramente pieno di idee innovative.

      Ti auguro di passare un Bel sabato, il mio sarà pieno, ma intanto fuori c’è il sole e questo mi basta per poter sorridere ed iniziare la giornata nel migliore dei modi.

      BaciOtti, Melania.

    • alice says:

      anche a te chèrie!bacini

  • Alessia says:

    Anch’io non ho trovato inopportuno l’abbigliamento di Mr facebook, un ragazzo di 27 anni che ha svecchiato e rivoluzionato il sistema della comunicazione. In giacca e cravatta non avrebbe rappresentato in pieno il suo pensiero. Poi è vero che nella vita bisogna correggere un po’ il tiro a seconda delle situazioni ma credo che una persona molto sicura di sè può permettersi di vestirsi come vuole senza preoccuparsi di osservazioni e critiche. Anzi vedrai che verrà molto imitato, di sicuro farà tendenza 🙂

  • Elena says:

    accipicchia un’altro post!!! vi avevo già augurato buon week-end!! troppa grazia cara Aliciotta..
    ma care vecchie Ottagirls dove siete finite? quì ci stanno “scavalcando” (A…le dove sei????), STO SCHERZANDO ALI…sono felice per te anche perchè una volta che ti si scopre non si riesce più a staccarsi….sei contagiosa, quindi ben vengano tante altre Ottagirls!!!
    Ma Ali io ho sempre pensato che il blu con il nero non ci sta bene, debbo ricredermi?
    quando lavoravo mi è capitato di assumere delle persone e debbo riconoscere che anche dall’abbigliamento ho saputo cogliere tanti aspetti delle persone (e in effetti non mi sono poi sbagliata..)
    ora mi aspettano due giorni di minibasket a Lugano e debbo sostenere la mia piccola (che è bravissima ma tanto timida…)
    ti abbraccio Alice…

    • alice says:

      uuu che bello!se mi inviti vengo a fare da cheerleader per la tua piccolina!
      blu e nero uso e super uso…provali vedrai che ti piacerà!
      😉
      un abbraccio

    • A...lessandra says:

      Io ci sono sempre semprissimo al breakfast table di Otta!!!il weekend vedo i post un po’ piu tardi,ma ci sono!!!:))))
      Un bacioneeeee

  • Anonymous says:

    ciao Otta, scusate l’assenza ma ho le nausee che mi stanno creando non pochi problemi, soprattutto perchè nessuno sa ancora nulla e devo fingere che sia tutto ok,aiuto che fatica ma ne vale la pena…Piccolo problema fame pazzesca, non psicologica ma voragine nello stomaco
    aiutatemi ditemi come posso combatterla!
    Il tuo post è davvero da stampare e tenere
    Grazie Otta
    Buon weekend
    un bacio
    cicci

    • alice says:

      cicci adorata!
      tanti crackers sempre in borsa!e carote crude!
      dai resisti che le nausee mi hanno sempre detto che sono solo ai primi mesi!!

      ti abbraccio forte forte

  • Anonymous says:

    Sono d’accordo che l’interiorità sia essenziale…altrimenti si cade nell’effimero che come tale svanisce in fretta. Ma mentre per mr. FB, e molti/e come lui, l’interiorità è chiaramente espressa attraverso ciò che hanno fatto, non sono sicura sia lo stesso per le common people…poi, ça va sans dire, ogni caso è a sè 😉

    Ps. il letto sfatto fa disordine e tristezza anche nella casa più bella. Punto 😉
    Buon we. Nina

  • Martha says:

    Condivido tutto con te, specialmente: il letto rifatto ogni mattina, qualsiasi sia stata la serata, qualsiasi sia la mattinata..mi infastidisce il letto sfatto.. 🙂 , il mai jeans+jeans..mi ribellavo già a 5 anni quando mia mamma si ostinava con questo look, e idem per le calze color carne..non aiutano! Il sempre del grazie e per favore bisognerebbe farlo legge.. Basta così poco a volte..
    Buon weekend a tutte

    Baciiii

  • A...lessandra says:

    Tu in lilla e giallo mi hai fatto morire!!!!
    In rosa pallido da Chanel sarai stata adorabile…<3
    Concordo con tutti i punti…soprattutto sulle calze color carne!ma che esistono a fare?????

    Tanti bacini alla mia stellina del cuore<3

  • Stefy says:

    bellissimo!!!!
    quoto quoto quoto il non litigare via email, anzi, con certe persone sarebbe proprio meglio non scriversi.
    pensa che qualche tempo fa le mie colleghe si sono offese perchè aprivo le email con un sincero “Buongiorno Care”
    vabbè….
    per il letto, per me è impossibile rifarlo! esco di casa che il mio fidanzato eterno ancora dorme! e purtroppo… non sono mai riuscita ad “educarlo” alle faccende di casa 🙁
    uff sono di un umore altalenante in questo periodo! per fortuna qui a Roma il sole non ci ha ancora abbandonati! c’è il vento… ma almeno niente pioggia altrimenti credo che mi sarei messa sotto le coperte malata almeno fino a martedì.
    un abbraccio fortissimo
    Stefy

  • adoro i tuoi sempre. e non vedo l’ora di sapere quali meraviglie sono capitate da chanel. love v+l+s

Load More

Leave a Reply

Your email address will not be published.