Categoria | Agipsyinthekitchen | Home

Girl put your records on: 26 sleeps to go till xmas.

Auto regalo numero tre: imparare a conoscerci.
Anzi, impariamo ad amarci così tanto, e amare ogni cosa che fa parte di noi.

Si noi, queste personcine che siamo piene di lucine bianche attorno al cuore, sempre pronte ad accogliere, amare,perdonare, raccontare favole, sorridere, commuoverci, che passiamo la giornata a canticchiare la canzone che ci rimane nelle orecchie, che fatichiamo a discernere le emozioni, ma che ne regaliamo tante.

Che siamo così generose da dimenticarci di noi, molte volte, forse troppe volte.
Che cambiamo idea, che siamo lunatiche, che intoniamo ritornelli mentre sciamo, che ci teniamo le mani durante i momenti più importanti, che cadiamo, ma che facciamo spallucce e ricominciamo.
Che ci facciamo tatuaggi, che ci cospargiamo di creme alla vaniglia per mantenere questa pelle morbida. Che amiamo i trucchi e i segreti, che ridiamo da sole per un pensiero felice che ci passa nella mente.
Che cuciniamo con passione, che impariamo cose nuove, che siamo curiose come delfini, che ricominciamo a ballare al Plastic, che viaggiamo, che prendiamo aerei come se fossero tram ma che amiamo il divano e la coperta calda nella nostra tana.

Noi che profumiamo di clementine d’inverno e d’estate siamo più succose di un lampone.
Noi che ci mettiamo a disposizione delle stagioni.
Che le nostre lacrime contengono oceani, che impariamo a memoria i testi delle canzoni perché ehy, ma tu l’hai scritta per me?
Che ci commuoviamo davanti ai flash mob, che sogniamo amori eterni e passioni travolgenti, noi che ci fidiamo anche di chi non merita nemmeno un centesimo della nostra fiducia.

Noi così complicate, noi che le lentiggini invadono il nostro nasino al primo sole. Noi che soffriamo il solletico e la fine di amori sbagliati.
Noi che ci divertiamo con fb e viviamo di film.
Noi che spendiamo tutti i nostri soldi in abiti e piangiamo povertà con tacchi di Prada.Noi che corriamo da te se hai bisogno, anche solo per un abbraccio.
Noi che non potrai mai spegnere la nostra luce perché si, noi brilliamo di luce propria e ricostruiamo edifici meravigliosi da cumuli di macerie.
Noi che amiamo l’arte contemporanea e la filosofia ma siamo appagate dalla lettura di vaniti fair. Noi che abbiamo due cellulari e ci addormentiamo guardandoli.
Noi che amiamo le magliette a righe e fotografare cieli.
Noi che accendiamo candele e fuochi.
Che amiamo il take away, il tartan, le ortensie, le pailettes le bolle di sapone, i tè caldi, le gonne di tulle, lo smalto rosso, la neve, fare fotografie di quello che mangiamo, le onde sui capelli e gli uomini con la barba.
Che amiamo il curry di verdura, il grigio, ma solo come colore, perché noi e le nostre scelte sono o bianche o nere.
Che adoriamo il Natale ma che il carnevale e la Pasqua ci mettono tristezza.
Noi e i nostri cappucci chiarissimi.
Noi e la nostra birra chiara, ma evviva anche la Guinness nei pomeriggio di pioggia.

Noi che crediamo nella magia e la magia accade.

Amiamo -CI.
Dove il Ci quest’anno deve diventare la priorità numero uno su tutto.
E rimanere tale.
No matter what.

Buon weekend Darlings.
Io oggi nell’ordine mi sono innamorata, a parte di me stessa e della mia ritrovata anima rock and roll:

  • Di questi stivali di Dries Van Noten
  • Di Melissa Satta, che è venuta da noi a fare un fitting ed è bellissima e pure simpaticissima e con dei capelli uao.
  • Delle coperte che fa la mia mamma: si accettano ordinazioni. Mandatemi una mail in privato e vi do tuytte le info. Sono per culla, passeggino, carrozzina e lettini. Fatti a mano da lei with love, e foderati con lenzuolini in cotone ricamato. email me per info: alice.agnelli@me.com
  • Dell’infinito del Maestro Pistoletto: tre cerchi perchè siamo molteplici.
  • Bee a Boy di Mackenzie Thorpe.
le coperte di mamma di Otta: ordinate gente, ordinate!

bee a boy. Want you.
Dries I love you. Get me in these heels.
print

Print

15 Comments

  • Anonymous says:

    Allora ricapitoliamo le varie trasformazioni della nostra beniamina: ottalovemuffin versione borghese, gypsy versione Ibiza…ora rock and roll….cara Alice cosa ci riservi per Natale?! 🙂 Nina

  • Elena says:

    Cara Alice, oddio…sono indietro di ben 3 post e ciò mi provoca molta frustrazione!!
    sono stati giorni un po’ frenetici per vari motivi ed oggi sono pure corsa a Lanzo dove mi hanno chiamata per una perdita d’acqua. Speriamo questa sera di trovare un momento per mè e poter rimediare..non vedo l’ora, baci Elena

  • laura miglio says:

    Tanti mesi che “ti” leggo, la prima volta che proprio non mi trattengo e DEVO scriverti. “Tante piccole lucine colorate”, è il blog che ho fatto e che, giorno dopo giorno, volevo scrivere, ma è rimasto lì, appeso, congelato dalla timidezza e dalla riservatezza…perchè i miei pensieri spesso restano miei e miei soltanto, gelosa a tal punto che non riesco a condividerli proprio con nessuno…neanche fossero una borsa di Chanel!!! poi ci sono i tuoi di pensieri…quelli che scrivi a cuore aperto e in cui cavolo…mi ci rivedo proprio!!! j’adore le lucine…del cuore, della gente, di Parigi e di Natale!!! forza Otta che ce la faiiiiii!!!!!!!!!!!! anzi, come si dice a Roma, ca va sans dire, DAJEEEEEE!!!!

    • alice says:

      <3
      ciao chèrie che bello conoscerti qui e grazie per quello che mi scrivi.
      Sarò a Roma settimana prossiam che abbiamo un evento. Il 10 dicembre dalle 19 alle 22. Via Borgognona 6. Passi che ci conosciamo?
      baci

    • laura miglio says:

      Via Borgognona e la febbre romana per il macaron…magari potessi venire! il fatto è che sto lavorando H 24 ad una serie di progetti, primo fra tutti quello con un “boss” dispotico ed autoritario, che non conosce mezze misure e che pensa solo ai suoi bisogni senza minimamente preoccuparsi dei miei; segno del capricorno, maschio, di nome Ascanio, sono chiamata a lavorare per lui giorno e notte. Il mio socio vive spesso fuori dalla city, non ho contratto nè busta paga, ma ricevo in cambio sorrisi, baci e abbracci da questo piccolo despota di appena 75 cm e con poco piu di dieci mesi di vita alle spalle…Ottaaa, ancora non sono riuscita a fargli sviluppare grande attitudine per gli happening serali. Alle 21:00 si dorme nel lettino con mamma a piantonare la zona; così è e non si discute! ma se ti venisse voglia di fare un break in orari naneschi, ti potremmo fare volentieri da cicerone!!! See U soon!!!!!

  • A...lessandra says:

    OH! TROVARE IL POST DEL VENERDì, DI LUNEDì…MICA MALE!
    una coccola in più della mia Otta!!!!

    post splendido…e più si avvicina il Natale e più fremo dalla curiosità dei tuoi post, perchè contengono wishlist, dreams e curiosità che come ho fatto a vivere 29 anni senza!!!! 🙂
    In questo periodo la tua anima di macramè, diventa di soffice cachemire e se normalmente adoro leggerti, in questo periodo l’addiction sale sale sale!in quanto fan n.2 di Babbo Natale, dopo di te, chiaramente.

    tanto amore e Dries van Noten per te amorina!!

  • Anonymous says:

    …Eccoci qua, con un autoregalone importantissimo. Imparare a conoscerci ed amarci così come siamo. Conoscermi, mi conosco abbastanza, anche se posso affermare che di quando in quando mi stupisco ancora di quanto in là io riesca a spostare i miei limiti…Amarmi…beh, ci sto lavorando. Sicuramente sono più indulgente e meno perfezionista. E mi sono innamorata di troppi oggetti che sarebbero il perfetto regalo di Natale a me 🙂 Tu Alice mia bella sei proprio sulla strada giusta. You rock 🙂

    Bacio

    eli

  • Melania says:

    Ed eccoci qui lunedì,
    ed eccoci qui da Alice ormai, dopo la domenica passo sempre per una visita , la tappa è fissa e ti dico la verità aspettavo di leggere un tuo post fresco, fresco di giornata e poi scopro di essermene persa uno meravigliosamente confezionato da te, come solo tu sai fare, pieno di amore, calore, dure e dolci verità,nel pre weekend, e che dire che quel Noi ci rende tutte parte integrante di questo post, ci coinvolge in prima persone e che leggendo ogni punto o quasi mi sono ritrovata a pennello adoro questi posts, adoro il tuo modo di comunicare, i tuoi insegnamenti belli e soprattutto lo stupore che ho quando mi ritrovo in quello che dici.

    Come sempre dopo una giornata nì il tuo post è un comfort food per l’anima,
    grazieeeeeee
    Melania.

  • Elena says:

    Cara Alice, spero che ieri sera sia andato tutto per il meglio (sicuramente!!!), stavi benissimo vestita da “Elfo”…
    Ora si che fa veramente freddo ed io non vedo l’ora che sia l’8 dicembre, perchè a casa nostra è tradizione che si fa l’albero ed il presepe all’Immacolata..quindi oggi con mia figlia giretto nel bosco e…nei giardini dei vicini a caccia di rami di pini, abeti, agrifogli, pigne e tutto quello che ci regala la natura.
    Ieri ho trovato per mia figlia il cofanetto dei dvd “Mamma ho perso l’aereo” e so che le piacerà moltissimo. Tu a regali come sei messa??
    ti abbraccio Elena

    • alice says:

      Adoro l’agrifoglio!
      ieri tutto bene, ma un freddo.
      La star dello show è stato oltre all’albero di natale, Paolo Ruffini: è adorabile.

      io i regali…beh. per la prima volta in vita mia non ho ancora incominciato.
      Adoro mamma ho perso l’aereo.
      ti stringo

Load More

Leave a Reply

Your email address will not be published.