Categoria | Agipsyinthekitchen | Home

Take Care -18 sleeps to go till xmas.

Occhi verdi.
5 tatuaggi.
Una ritrovata anima rock and roll.
Lo smalto rosso, quasi sempre.
La pizza al salame piccante.

I libri di cucina, i ritagli di ricette, il frigorifero con le calamite.
Mani fredde ma cuore caldo.
Amo dormire ma mi sveglio presto.
Mi addormenterei alle 9pm, ma mi piace ballare al plastic fino alle 5am.
I miei tè verdi caldi, a profusione.
Gli addobbi di Natale.
La mia musica, mentre cammino.
New York. Parigi.Il mare di Formentera.Lanzo D’Intelvi.
Cambiare idea. Più volte, sempre.
Incostanza.
A volte incoerenza.
BB chat e whatzup.
Un sorriso.
Quante lacrime durante la PMS, ogni volta.
I saffiani di mamma Miuccia.
Un blog per arginare la mia logorrea.
Dolcezza, talmente tanta che a volte diviene melassa.
Le mie sisters.
I cardigan grigi.
Il piumone.
Gemelli, il mio segno.
Acquario, il mio ascendente.
Gli occhiali, per vederci chiaro.
La Vaniglia, come se non ci fosse domani. Sul corpo e nei dolci. Persino nel fleur de sel.
Amare tanto, e perdere. Ma forse perde chi ama meno, e allora vincere, se di vittoria si parla.
Le Ortensie.
I pois.
Le magliette a righe.
Le fotografie al cielo.
I sogni. Ah, quanti sogni.
Il tweed.
L’autunno.
Il pane tostato con sopra l’avocado.
E la Neve.
E Babbo Natale che dimmi quello che vuoi ma io ci credo.
Il sale nei capelli.
Le onde nei capelli.
Fammi ridere, ti prego.
Il ghiacciolo al limone.
Provare ricette, sbagliare, il mio essere approssimativa, sempre e forse un po’ confusionaria.
Gli shorts di jeans.
Il mio papà.
Be soft.
Le stelle.
Le piccole luci bianche.
I pomeriggi di pioggia al museo.
La mia anima macramè stemperata da sfumature da gipsy.
Il Batar.
Le canzoni a memoria per sentirle più mie, ripetute all’infinito, come un loop, talmente tanto da usurarle.
Uggs.
Converse blu.
Fabri Fibra.
Una birra chiara, ma va bene anche la Guinness.
La pioggia e le giornate uggiose.
Marieclaire.it, Le Funky Mamas, Stella.
Il sole e i lamponi.
Vostra Signora delle Madeleines.
Sabato, finalmente.
Il sorriso quando si ricevono bei messaggi del buongiorno. E della Buonanotte.
Nuovi valori, nuovi orizzonti.
Gli spilli in gola, per dire che ho le tonsille infiammate.
I due telefoni accanto al letto.
I miei nonni, che mi mancano così tanto da farmi compagnia, da quasi sembrare che sono ancora qui.
Sciare.
Il gelsomino, fuori dal negozio hippie che amo, a Formentera. E il profumo, quel profumo che inebria e mi porta a momenti bellissimi , e passati: Bali, quest’estate spagnola, Mara – la migliore amica della mia mamma che purtroppo ci ha lasciato troppo presto- e la pianta che abbiamo piantato per lei in giardino.
I pan di stelle nella giara in cucina.
La zucca.
Il bagno nel fiume.
Agatina e Kyan, Giulia e Louis: i nipoti.
Le parole di Bianca.
I vetrini sulla spiaggia, così verdi, così caldi, così pieni di significato.
Il profumo di mio fratello paolo, tra la nuca e i suoi capelli.
Dire tutto, e subito, prima che passi. A costo di sembrare irruente.
La timidezza.
Il vento.
Le matite ben temperate e le cartolerie.
Giambattista Valli e i suoi abiti.
Femmina fino in fondo.
Principessa.

Mancano 18 notti a Natale.
Un altro auto regalo che dobbiamo farci, è guardare in prospettiva.
Ci sono momenti nella vita di ciascuno in cui si fa fatica a respirare, in cui il cuore è in gola e sembra stia per scoppiare.
In cui tutto è buio e insormontabile, in cui sembra che non ci sia più spazio per la gioia.
In cui noi diventiamo i peggiori nemici di noi stessi, in cui solo la critica trova lo spazio di esistere nella nostra testa e tutto ruota lì intorno alla pesantezza dello sguardo più critico: il nostro.
E invece no, che diamine.
Noi con le nostre imperfezioni.
Con i nostri errori.
Il che comunque non vuol dire sempre darci ragione, ma vuol dire ascoltare di più i nostri desideri, i complimenti, saperli accettare senza nascondersi o diventare rossi.
Imparare a capire che le critiche comunque portano del bene, perché ci incitano a migliorarci.
Quindi che fare?
Fermiamoci, respiriamo.
Ascoltiamo una bella canzone.
Piccole cose, semplici, banali, così confortevoli.
Ricordiamoci chi siamo. Accoccoliamoci nell’amore delle persone che ci amano veramente e non di quelle che passano superficialmente nei nostri attimi.
Fidiamoci, di nuovo: ma questa volta occhi aperti, non sbagliamo più, non crediamo più a nessuna bugia.
Regaliamoci la tenerezza di godere dei nostri ricordi.
Regaliamoci il lusso di sapere che in fondo non ne sappiamo niente, di questa Vita, ed è bello, stupendo, meraviglioso così.
Perché cambia sempre, cambia tutto e cambiamo noi.
Perché è così preziosa, questa Vita che a volte non capiamo dove va, ma crediamo, noi crediamo che tutto , tutto, succede per un motivo. E che il male genera poi Amore, per compensazione.
E allora l’ultima foto, l’ultimo abbraccio, l’ultimo sguardo può diventare il nuovo inizio.
Quel nuovo inizio che tutti cerchiamo, a un certo punto della vita.
Quella dose di sofferenza che ci spinge a cercare un nuovo inizio.
Perché c’è qualcosa da rivoluzionare, per essere felici e volare sopra la mediocrità.
Cambiare destinazione, meta.
Esprimiamo un desiderio.
Oh l’anno che arriva.
Eccolo lo vedo. Fa paura?
No, poco fa ancora paura adesso.

Siamo in piedi, siamo belle, siamo giovani.
Tutto il resto lo lasciamo a questo 2012.
Sotto l’albero apriamo un abbraccio, un sorriso, un bacio. Una stella cadente, e seguiamo la sua scia.
Piedi nudi sull’erba fresca.
Nuove tradizioni da inventare, nuovi riti da adottare.
Dettagli da memorizzare.
Cose importanti da sottolineare, perché adesso si che lo sappiamo quali sono le cose importanti.

Supportiamoci.

Buona attesa del Natale.
Che sia un Natale nuovo per noi, per il nostro cuore, per quello che diventeremo e che faremo succedere.
E che succederà.

print

Print

14 Comments

  • A...lessandra says:

    Noi ci siamo, Ottolina, e ti supportiamo, ci supportiamo e quando vuoi, se lo vuoi saremo pronte a coccolarti sempre con i nostri commenti ai tuoi meravigliosi e coccoli post.

    Sei un fiume in piena di pensieri, di liste di coccole e auto coccole, hai i piedi così per terra e la testa così sognante come tutte noi, solo una stellina in più speciale *

    coccolaci sempre con le tue storie!non smettere mai…<3

  • Elena says:

    Cara Alice, anch’io come A..le appena terminato di leggere ho pensato: …non smettere mai!!!
    tu mi fai sentire bene come…..:
    la cioccolata calda con panna
    i baci di mia figlia la mattina appena sveglia
    l’odore dei rami di abete appena tagliati
    le fiamme e lo scoppiettio del caminetto
    la polenta uncia
    la candela dell’Avvento accesa la sera
    il sorriso di mio marito
    il panorama dalla Sighignola
    la vecchietta che tutte le mattine mi da il buongiorno
    vedere mia figlia che pattina serena con le sue amiche
    andare a teatro dopo tanto tanto tempo

    …ok ora smetto, tu però non smettere MAI…

    bacioni Elena

  • Melania says:

    Unica, la parola che contiene tutto ma, riflettendoci non son sicura che basterebbe a descriverti forse troppo impersonale, forse troppo stretto per contenere tutto, quindi il tuo fiume di parole, i tuoi accostamenti sempre perfetti sono insostituibili e poi vuoi mettere la piacevolezza di leggere le tue liste ,ritrovarsi nel 90% delle cose dalla vaniglia al fammi ridere ti prego, dal mi addormenterei alle 9pm all’incostanza, dai sogni (oh quanti sogni)alla timidezza, dalle mani gelate e all’essere dolci potrei andare avanti così per ore, ma poi ti accorgi che esistono anche le sfumature che ci rendono diversi, inimitabili , irripetibili, speciali, appunto Unici!!!
    E poi mi unisco Ad A..lessandra e ti dico:non smettere mai di sfogare la tua logorrea nel blog perchè non solo ci regali magnifiche liste, ma soprattutto ci regali le tue consapevolezze che sono insegnamenti preziosi, che sono un vero regalo di Natale,che ci fanno vedere le cose diversamente da un’altro punto di vista di cui io farò tesoro ….
    Grazie Alice, ancora una volta, e grazie anche un po’ a quest’aria Natalizia che ti, ci rende magici che contribuisce a rendere magnifico ogni tuo post perchè ogni volta che ne leggo uno penso sempre “meglio di così non si può” e poi il giorno dopo post dopo post mi devo ricredere….

    Smack,
    Melania.

    P.s oggi mi sono ritrovata in queste parole di Gramellini spero che tu l’abbia già letto in caso contrario fallo.

  • Fico e Uva says:

    vorrei dire tutto ma non mi viene da dire niente… aggiungo: spesso resto senza parole a leggere quell’elenco che avrei potuto, quasi completamente, scrivere io.
    tranne alcuni punti
    ariete
    ascendente non lo so
    ciao uva

  • Alem says:

    io ci sono 🙂
    e ti ho scritto 🙂
    buon week end 🙂

  • LiV says:

    Alice, nevicaaaaaa!!!!!!!
    Kisses
    LiV

  • Anonymous says:

    E un bacio a te che sei sempre cosi’ grande! .
    Valentina

Load More

Leave a Reply

Your email address will not be published.