Categoria | Agipsyinthekitchen | Home

April come She will

8 mesi sono passati.

E me ne sono accorta oggi quando il mio amico Renato mi ha fatto presente con una battuta che “sei tornata tu”.Lui pensava fossero passati 2 anni.Abbiamo riso.O forse sorriso.

In realtà 8 mesi.
Che a ben vedere non è tanto, anzi.
E’ talmente poco che a volte ancora mi sveglio e mi sorprendo di quanto tutto, in 8 mesi sia radicalmente cambiato.
8 mesi da quella che pensavo fosse l’unica cosa che avrebbe potuto uccidermi, l’unica cosa che pregavo ogni giorno che non succedesse.
E invece è successa.

E invece non solo sono in piedi, ma credo di essere tornata a colori, dopo aver fatto una summa ed un elenco di tutto quello che ho sbagliato, perché alla fine si sbaglia sempre in due e nostalgia ci sarà sempre e forse perde chi ama meno però si perde sempre in due, non c’è mai un vincitore, grazie a Dio, che nei sentimenti l’unica vittoria è se ti batto in una gara di quanti baci ti do e una parte del cuore solo a sentire il suo bel nome a volte fa ancora qualche scricchiolio ma ecco.Credo sia giusto così ché siamo umani e belle e fatte di carne e cuore e tante emozioni.

Comunque, adesso so.
Si, adesso so.

so che tutto è eterno finché dura.

so che quando ti dicevano la vita va avanti, va avanti veramente. a volte solo come un elenco senza sospensioni di scorrere del tempo, altre volte come un sequel di momenti.altre ancora se sei fortunato va avanti con nuovi ricordi e nuovi scenari. Comunque va avanti. E il karma ha un occhio di riguardo, credo.

so che si può effettivamente scroccare il wifi del vicino e vivere felici.

so che tutti abbiamo paura: paura che tutto quello che abbiamo costruito possa distruggersi. Paura che il giorno dopo non richiamerà, paura di non sapere cosa dire, paura di amare, paura di essere amati.

so che fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio: come farò a ricominciare a fidarmi?
non so. me lo chiedo sempre mentre cammino, mentre cucino, mentre lavoro.semplice non mi fido più. come si farà?

so che a volte persone che non si conoscono diventano i tuoi fari nella nebbia e amici di sempre scompaiono come neve al sole.

so che le notti migliori sono quelle in cui si dorme poco. e il sonno più bello è quando lo si condivide, abbracciati. e non è un luogo comune, ma anzi il posto più segreto, inusitato e meraviglioso del mondo universo.

so cosa vuol dire ricostruire dalle macerie, quando tutto intorno a te è crollato, quando ogni progetto si è fatto fumo e ogni traccia di consapevole quotidiano si è persa in qualche pausa. e poi cos’è una pausa se non una vigliaccheria di un assunto chiaro, di una scritta così palese sul muro, davanti ai tuoi occhi

so che cambierò sempre idea.

so,ne sono ormai consapevole, che non riesco a rimanere arrabbiata con nessuno.

so che sono leggera.

so che a noi tipe perbene piacciono i ragazzacci con la barba, i tatuaggi e i Club Dogo.

so che un maglione azzurro non fa di un principe, un principe azzurro.

so che non ho mai lavorato così tanto in vita mia.Il che ha avuto un effetto toradol sui pensieri.

so che ho imparato ad ascoltare: nuove canzoni e nuovi cantanti. nuovi film e nuova arte. nuovi amici e vecchie conoscenze.

so che non riuscirò mai a viaggiare con un solo bagaglio a mano.

so che le magliette devono essere larghe e bianche, ma un po’ grigie,forse ecrù. comunque sempre a righe bianche e blu.

so che lo shellac salva la manicure.

so che è divertente parlare con gli sconosciuti.

so che l’estate ti stordisce ma poi l’inverno ti fa pagare i conti come il migliore dei pusher e allora non ti resta che andare a fondo di questo dolore.

so che è più bello guardare al positivo.ma a volte è più facile auto commiserarsi.

so che il cioccolato non smetterò mai di mangiarlo, nemmeno con le coliche renali.

so che il vento ti prende e ti porta via, da te stessa e dai tuoi problemi.

so che accettiamo l’amore che pensiamo di meritare quindi bisogna alzare le aspettative.

so che là fuori è pieno di cuori spezzati. e che a volte bisogna accettare che la nostra felicità non possa più essere la stessa idea da cui si era partiti. che a volte la felicità, come l’eco sistema ha bisogno di energie rinnovabili.

so che le amiche più vere sono poche, ma che ti danno tutto quello che ti serve per cominciare a credere di nuovo, che ti raccolgono quando sei a brandelli, che sorridono quando finalmente ti rimetti il rossetto e il tacco, che ti proteggono e ti difendono sempre.

so che ad un certo punto le lacrime finiscono.Poi ritornano ma sappiamo come scacciarle.

so che impastare torte e provare nuove ricette ha regalato ossigeno al cuore.

E allora so che si riparte , che la Vita si reinventa ogni minuto anche quando è più difficile, così inaspettatamente, un giorno, una sera senza nemmeno accorgersi ed è un bel ripartire…come quei viaggi che fai in macchina, e ogni giorno percorri sempre la stessa strada..Poi un giorno ti chiudono la via per lavori in corso e tu sei obbligato a cercare percorsi alternativi. E quando lo trovi, quando trovi il tuo percorso alternativo, ti chiedi come tu abbia fatto a trascurare angoli di Vita così incantevoli.

Ecco quello che so.
E forse non è tanto, ma va bene così.
Capperland se va bene così.

print

Print

27 Comments

  • Anonymous says:

    Meravigliosa,Alice. Trasmetti sempre coraggio, in questo giorno di sole che fa un po’ paura affrontare da soli. L’uomo che mi ha stropicciato il cuore (ricordi? mi hai anche dedicato un post), poi è tornato…e dopo 4 mesi mi ha abbandonata di nuovo. Ora è il nulla, anche la bella stagione che arriva mi sembra un tradimento. Ma credo che questo tuo post lo stamperò e me lo appenderò in camera. Grazie, non lo sai ma regali emozioni. Silvia

    • alice says:

      oh silvia non sai quanto mi dispiace sapere questo…ma credimi…sei già oltre questo dolore.
      arriva l’estate e sarà un’estate pazzesca.
      sono qui, parlami.
      ti abbraccio

  • Anonymous says:

    ma quanto sono vere le tue parole? leggo quello che hai scritto e annuisco e dico tre me e me eh gia quante verita…ti aspetto sempre per partire e andare a copenaghen..eheh baci elisa

  • Santissime e verissime parole!!! Ma bisogna anche avere la forza di arrivare a capire tutto quello che hai scritto, e non è da tutti!

    • alice says:

      dici?a volte fa ancora un po’ tremare il cuore…ma credo sia giusto così.
      altrimenti non saremmo noi, nons aremmo “quelle che amano senza riserve, quando amano”.
      un bacio

  • Nella vita, tesoro, tutto è relativo. Anche fidarsi è relativo al tempo in cui tu sei convinta di fidarti di quella persona. E bada che non è triste questo concetto. Se in un periodo di tempo sei felice e serena a fidarti di questa persona è ok, ti riempi di gioia. Se a posteriori ti accorgi che non è più il caso di farlo, da quel momeno è ok comunque. Avrai sempre vissuto un periodo di serenità. non sto dicendo che sia facile oltrepassare la boa, è doloroso, ma ti forma l’anima. Ciao.

    • alice says:

      hai ragione simona, hai proprio ragione.
      infatti io credo che tra il fidarsi e il non fidarsi, è sempre bene dare credito alle persone.
      e non rinnego nulla. anzi. sono felice di aver dato tutta me stessa, perchè è l’unico modo che conosco per vivere una persona.
      buon lunedì.

    • Dare credito fino a prova contraria: siamo eque, ma non stupide, sia nell’amicizia che nell’amore 😉

  • Anonymous says:

    Mi sono commossa…!un super abbraccio Alice!sei una grande!

    Francesca

  • A...lessandra says:

    è così che si fa!si ricomincia, si cambia e si recupera un pò del vecchio con il nuovo.
    e tu sei a COLORI, si, hai dei splendidi colori dell’anima che si vedono persino quando scrivi nero su bianco, hai dei colori che ci contagiano ed è per questo che è sempre bello leggerti.
    a noi i tuoi pensieri profondi e leggeri ci fanno impazzire.

    <3

    splendida Alice (e il tuo, è un BEL nome! 😉 )

  • lapennarosa says:

    si ricomincia, sempre… brava alice.

  • francesca says:

    Io credo…che dovresti essere più arrabbiata e pensare che, si, è vero che si sbaglia sempre in due, ma c’è chi sbaglia decisamente di più e che se, a maggior ragione, hai messo tutta te stessa, dovresti essere furente con chi non ha saputo apprezzare cotanta dedizione; perchè a volte gli uomini non si rendono conto che tanto amore è una cosa rara da trovare, se ne accorgono quando è troppo tardi e se ciò non accade vuol dire che sono superficiali e allora è meglio perderli che trovarli!
    Io ho sofferto in modo indescrivibile e solo dopo aver passato la fase dell’incazzatura sono riuscita a vedere le cose e lui con totale lucidità.
    Questo è il mio pensiero e la mia personale esperienza, ma non tutte siamo uguali, quindi è giusto che ognuno reagisca a modo proprio.
    L’importante è avere vicino tante persone che ti vogliono bene e un bel lavoro che ti distragga nei momenti più malinconici.
    Penso che sia giusto fidarsi delle persone, perchè altrimenti non si riuscirebbero più a costruire rapporti decenti, ma solo di quelle veramente meritevoli; poi, se anche così dovessero fregarci, amen: noi abbiamo fatto il possibile e questo è ciò che conta sul serio.
    Sappi comunque che ammiro molto la forza che hai avuto in questi otto mesi, perchè io, che blatero tanto, mi sono comportata come un’invertebrata per un anno intero!!
    Ti abbraccio

    • alice says:

      ciao francesca…il fatto è che non riesco nemmeno ad arrabbiarmi.
      c’è solo delusione.
      forse nemmeno più questo…la delusione è stata sostituita dal ricordo di quello che eravamo. E allora che rimanga questo voler bene a distanza,anche solo un ricordo. con alti e bassi.
      ti abbraccio.

  • Stefy says:

    …lacrimuccia…
    e un grazie per aver condiviso con noi questi 8 mesi, perchè vederti rifiorire è stato un regalo, mi ha dato tanta speranza.
    basta aggrapparsi alle cose, alle persone, pensando che siano indispensabili.
    aggrappiamoci a ciò che amiamo e abbiamone cura… se poi finisce… si può sempre ricominciare.
    sei uno splendido fiore in questa pazza primavera, sei rinata, cresciuta, e veramente libera.
    adoro la tua libertà.
    adoro la tua forza.
    e come al solito… ti prendo ad esempio
    Un abbraccio
    Stefy

  • Anonymous says:

    Mi piace che oggi la pensi così, la felicità non dipende dall’avere oppure no un compagno, ma dall’avere “il” compagno, che resta tale nel bene e nel male, e che ci ama per quello che siamo, e che alla fine, non si stanca mai di noi, neppure quando gli anni passano e la passione si affievolisce …. Altrimenti è meglio cercare la ns. serenità altrove, nella fede, nella famiglia, negli amici e perchè no, anche nel lavoro (ed il Tuo è molto bello e stimolante! Sei fortunata!) Questa è per te una nuova opportunità per essere felice e per amare ancora ….. anche più di prima!!!!

    Manu 77

    • alice says:

      dici manu?
      amare più di prima..mah. Forse in amniera diversa, più consapevole.

    • Anonymous says:

      Più di prima …. ne sono convinta …., poi il passato sarà solo storia, magari bella da ricordare, ma nulla di più.
      E se il futuro ti riserverà anche di diventare madre (cosa che ti auguro), allora non ci sarà veramente più niente e nessuno a paragone di questo amore …… Qunidi sì, sono convinta che per te questo presente è un dono e un’opportunità, vivilo fino in fondo …

      Manu77

  • Anonymous says:

    Sai…a volte mi stupisce come con poche frasi tu riesca a “scavare” dentro le persone. E’ un periodo sereno, per me, ma proprio ieri riflettevo che persa nel vortice della vita quotidiana, lavoro, pasti, bucato, figlia, palestra, ecc ecc a volte vorrei solo avere piu tempo per pensare e fare il punto della situazione. Che persona sono diventata, se mi piaccio davvero, che cosa ho imparato. Mi fai sempre riflettere/sorridere/pensare. E brava, che sei tornata tu, così quando finalmente ti abbraccerò sarai la VERA Alice 😉

    Elisa

  • Marzia says:

    Scoperta oggi…tramite instagram..ho adorato le tue foto e poi ora le tue parole
    e come non mai ora ci stanno tutte
    splendida davvero!!!

Load More

Leave a Reply

Your email address will not be published.