The Queen Father. Funky Mama.

The Queen Father. Funky Mama.

“Turn the lights on bright, you are a rock and roll star, feel my love coming from heaven’s above when my eyes meet your eyes you know it’s true, baby come dance with me.”


Di Marco prima non sapevo nulla, o poco.
E forse non so ancora tanto, però quello che so mi basta per scrivere l’emozione che mi ha trasmesso durante una telefonata, o mentre leggo il suo blog (http://www.thequeenfather.com)
Lui, Lui e il loro meraviglioso bambino.
In scena c’è solo l’Amore, ed è un amore puro, sincero, stabile e forte, così forte da non mettere in dubbio alcun clichè, che i clichè noi li distruggiamo con il coraggio, con il sorriso e con tutto ciò che c’è di reale, di vero come per l’appunto la forza e la profondità dei sentimenti che costruiscono e cementano il quotidiano.
Un quotidiano fatto di mattine assonnate, di baci frettolosi, di case da pulire, di asili, da scadenze, di discussioni, di ricerche affannate di calzini spaiati , di cene deliziosamente ghiotte da preparare, di tenerezze attaccate al frigorifero, di divani e coperte gettate sopra senza pensarci: tutti magici rituali che cerchiamo, e che rendono la nostra vita irrepetibilmente incantevole.
Le sue parole sono cristalline, acqua pura, di un ragionamento limpido e vigile: si fa un figlio per amore del figlio, per amore della vita stessa.
Una famiglia normale, con desideri felici: il futuro arriva un giorno alla volta.
Marco, Steven e Gabriel.
Eccoli.


come è nato in te l’istinto materno?quando ti sei sentito “mamma” per la prima volta?
Guarda, partiamo col piede sbagliato..
Io ci tengo molto a precisare che non sono una mamma, non mi sento mamma, non mi sono mai sentito mamma e, probabilmente, mai mi ci sentirò. Fermo restando che posso parlarti di secchezza vaginale e capezzoli spaccati fino a domattina, ci sono sensazioni che sono profondamente legate all’universo femminile che io, come uomo, non posso neppure immaginare né ho la presunzione di far mie. Ho un profondo rispetto per le donne e per il loro mondo.
Non capirò mai cosa si prova al momento del parto o durante i 9 mesi di gravidanza. Non capirò mai la sensazione di albergare una vita dentro di me. Mi sono sempre scontrato con chi fa del proprio vantaggio biologico un vessillo per convalidare la propria genitorialità. Come se gestazione e parto fossero un po’ una condicio sine qua non della genitorialità.
Il mio modo di viverla ha molto meno a che fare con gli ormoni e molto di più con la lucida responsabilità e l’amore incondizionato.
Per tornare alla tua domanda, ho amato mio figlio quando era solo un sogno. Immagina la sensazione di guardarlo ora, quattro anni più tardi, e vederlo esattamente come lo avevo sognato.
La mia paternità è stata un crescendo, ma forse la botta, la grande rivelazione, c’è stata quattro anni fa, in quella sala parto, quando lo ho visto per la prima volta e, dietro alle lacrime di gioia, mi son detto “Cazzo… E ora?”
Ma è un work-in-progress che evolve ed aumenta ogni giorno. Parti dal punto in cui faresti di tutto per il tuo bambino e ti rendi conto che quel margine, già smisuratamente ampio, continua ad espandersi, oltre quello che ritieni possibile. Tutto quello che fai e che provi diventa automatico, nella sua generosità e nella sua grandezza. Diventa un nuovo modo di sentire.
La genitorialità ci amplifica come esseri umani.
una scelta difficile: è stata molto criticata dalle persone a voi vicine?
Più che criticarci, cercavano di disilluderci. Quando ho provato a spiegare ai miei genitori l’iter della maternità surrogata all’estero, mia madre si è messa il capo tra le mani esclamando ‘Mi sento ubriaca!’.
Voglio dire, non è stata una passeggiata. Suppongo che chi ci vuole bene abbia cercato di proteggerci dalle delusioni, inevitabili, di un percorso del genere.
In retrospettiva potrei persino dire che nessuno ci ha creduto molto all’inizio, è stato come portare un po’ di fantascienza nel quotidiano di diverse persone.
C’è stata un’occasione di scontro e di rottura con un’amica che ha deciso di schierarsi contro la nostra decisione a diventare genitori, ma penso solo che lei avesse raggiunto la data di scadenza nella nostra vita. Sai, quando smetti di vivere la tua vita come gli altri vorrebbero, o come la hanno pensata per te nella loro testa, li metti di fronte alla necessità di crescere, di abbracciare nuove realtà e questo è uno sforzo che solo gli amici veri fanno di buon grado.
Hai paura di quello che la società, che purtroppo a volte è cattiva e dura, possa far vivere al vostro piccolo?lo possa giudicare a priori?
Sono un ottimista, ma non mi illudo. Sicuramente ci saranno ostacoli o situazioni scomode. D’altronde l’illusione di un mondo eterosessuale di famiglie Mulino Bianco è ancora molto forte nell’immaginario collettivo. Per ora siamo ancora delle eccezioni, ma nutro forti speranze che le cose possano aggiustarsi e ritrovare una sana e nuova normalità con spazio per altre realtà. Grazie ai progressi guridici e legislativi in numerosi paesi e grazie ad un’informazione libera, aperta e sempre più accessibile, le famiglie arcobaleno stanno acquistando una validità ed un rispetto che sono la base della condivisione sociale. Le famiglie arcobaleno di oggi sono le famiglie miste (bianco/nero) di 50 anni fa. I grossi cambiamenti fanno paura a tutti, anche a me, ma il bello è che il futuro arriva un giorno alla volta.
La burocrazia, questo mostro: il percorso è stato tortuoso?
Il percorso è stato piuttosto lineare per noi, anche se i tempi sono stati lunghissimi. Le difficoltà che abbiamo incontrato erano previste, dal momento che abbiamo dedicato tre anni alla preparazione. La maternità surrogata negli Stati Uniti è una realtà vecchia di decenni. Ho conosciuto gente della mia età nata tramite maternità surrogata! Di conseguenza, l’apparato legislativo che la tutela è molto sviluppato, solido e non lascia spazio ad interpretazioni.
Il che facilita molto le cose.
Diciamo che i possibili intoppi possono verificarsi quando si cerca di conguagliare la realtà giuridica degli States con quella del paese di destinazione del nascituro, ma con l’aiuto di professionisti specializzati le difficoltà si appianano o quantomeno si ridimensionano.
Considera anche che le normative che regolano la procreazione assistita e la maternità surrogata sono un territorio in continua evoluzione. Probabilmente ora le cose sarebbero ancora più semplici rispetto a quattro anni fa.


 

cosa sogni per il tuo bambino?
Felicità. Tanta da poterne distribuire.
quale viaggio vorresti fare con lui?
Vorrei portarlo a Bali, dove io e suo padre abbiamo lasciato occhi e cuore. Su quella spiaggia dove è iniziato il sogno… Lui è stato concepito lí. Tre anni prima che venisse alla luce, e noi con lui.
i tuoi must have
Sono per la praticità, ma ho un debole per gli accessori di lusso. Non mi chiamo Queen per niente…
Una borsa strafiga piena di biscotti assortiti, salviettine umidificate, caramelle gommose, crema per le mani, lip-balm, Iphone e le mie inseparabili cuffie Studio by Dr. Dre, anche chiamate Scafandri. Ah! E poi il profumo. Uno buono. Che sia la mia firma invisibile, che mi renda memorabile. Sono un fanatico del profumo, abbiate pazienza. L’olfatto ha il grandissimo potere di trasportarti nel tempo. Un buon profumo evoca memorie, sentimenti. Un buon profumo rende quasi immortali.
i rituali di bellezza da tramadargli
Anche la routine meno impegnativa, se fatta con costanza, porta dei risultati nel tempo, quindi non sottovalutare mai l’importanza di un buon idratante per il viso e mi ringrazierai tra 30 anni.
Le tre R: rispetto verso se stessi, rispetto verso gli altri e responsabilità per le proprie azioni. Come si fa a insegnarle?
Io lo metto sempre davanti ai suoi errori ed ai suoi casini.
Entro i limiti imposti dalla tenera età di quattro anni, cerco sempre di spiegargli le situazioni e di avere un suo riscontro.
Supporto i suoi errori, che rimangono il metodo migliore per insegnare a chiunque i propri limiti e le proprie debolezze.
Il rispetto parte da noi genitori, tra di noi come adulti e verso di lui come bambino. Essere accorti e rispettare gli spazi, le cose, le emozioni e le priorità degli altri sono cose che si imparano in famiglia. Tutti siamo importanti e, soprattutto in famiglia, non c’è bisogno di spingere.
I bimbi e il cibo: come insegnare a mangiare tutto, a mangiare bene e ad avere una buona educazione alimentare.
Ah, qui l’asino non casca, ma muore proprio. Una morte lenta e dolorosa… Chi mi legge ricorderà il post in cui dicevo che per far mangiare mio figlio mi devo cospargere di Kerosene e darmi fuoco.
Mio figlio a tavola è piuttosto problematico. Sempre stato. Mangiare non è una priorità per lui e comunque è qualcosa che si interpone tra lui e quello che vorrebbe fare. Ho sempre incoraggiato la varietà a tavola, e noi, come genitori, siamo entrambe delle buone forchette con un gusto piuttosto cosmopolita ed una predilezione per le verdure. Purtroppo però si devono fare i conti con una personalità molto ben definita, già a questa tenera età, e con delle preferenze alimentari piuttosto precise e non sempre convenienti a livello nutrizionale.
Per fortuna andare a scuola lo sta aiutando ad incuriosirsi verso dei cibi che prima non toccava nemmeno, l’emulazione dei colleghi è sempre un grosso aiuto, ed abbiamo raggiunto una fase di sperimentazione a tavola che mi lascia ben sperare.
Vorrei poterti dire di come il mio spettacolare talento culinario ed il mio amore per la cucina biologica e per la varietà abbia insegnato a mio figlio a mangiare tutto e bene, ma non è cosí.
Sogno il giorno in cui ci potremmo sedere tutti e tre a tavola e mangiare la stessa cosa!
com’è crescere un bambino all’estero? più vantaggi rispetto all’italia?
Crescere in una grande città, prima Londra, ora Parigi, comporta dei problemi a livello organizzativo e logistico non indifferenti. Indipendentemente dal paese.
Perché mentre io da bambino, nel paesello, scendevo di sotto e trovavo tutti i miei amichetti con cui giocare, qui in città bisogna andarseli a cercare al parco, o organizzare play-dates, o attività post scolastiche.
Sono comunque delle condizioni che accetto volentieri per poter dare a mio figlio quel respiro internazionale e quell’apertura mentale che a volte manca nello sviluppo di un bambino e di un futuro cittadino del mondo.
Mi piace l’idea di farlo crescere al centro di un melting pot di razze e culture diverse. Nelle città italiane ancora non vedo l’integrazione etnica che hanno raggiunto qui a Parigi e, ancora di più, a Londra.
Dell’Italia però mi manca l’amore e la simpatia che la gente nutre verso i bambini in generale, mi manca il pezzetto di pizza che ti offrono nel negozio di alimentari, quando entri con un bambino. Mi manca quel calore tutto mediterraneo che, per un genitore alle prime armi, fa la differenza tra l’avventurarsi in un ristorante col passeggino ed un bambino ‘irrequieto’, oppure restare a casa.

[sz-youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=WxaAurvpdR8″ /]

 

una canzone per lui
Sicuramente ‘Vincent’ di Don McLean.
La melodia mi ha sempre fatto pensare ad una ninna nanna, ad una canzone scritta per un bambino che osserva il mondo con occhi grandi di meraviglia, ma che non capisce bene tutto.
Parla di quella bellezza spesso misconosciuta che può essere condivisa solo se ci si ferma ad ascoltare, a riflettere.
E io questo vorrei che lui imparasse.
Ascoltare la bellezza degli altri.
oggi mi trovate qui


print

Print

6 Comments

  • Anonymous says:

    brava ali.
    bravissimi voi.
    sono una mamma, e vorrei essere tanto la nonna di un bimbo frutto di tanto amore e coraggio.

    la mamma di ali

    • eh mami continua a pregare Santa Rita di farmi arrivare il principe poco azzurro ma tanto b(u)ono e ci faccio subito 4 bambini e ti riempio di nipoti.
      🙂

      baci

  • Elena says:

    Il 22 maggio, ricorrenza di S.Rita, ho fatto benedire una rosa e ne ho fatto seccare i petali, conserverò un petalo per te, comunque non è una cosa così impossibile che arrivi presto il principe (barbuto pero’!!)azzurro..per i 4 bambini magari pensaci su..

  • Anonymous says:

    Si si Alice confermo…pensaci su, che a me una per ora basta 🙂
    Comunque conoscevo the Queen Father, lo leggo ogni tanto, e lo trovo una persona estremamente stimolante e positiva, nonché un papà che tanti bambini vorrebbero avere. You all rock 🙂

    Elisa

Load More

Leave a Reply

Your email address will not be published.