Categoria | Agipsyinthekitchen | Home
Come with me To the sea, of love.

Come with me To the sea, of love.

Forse avrei dovuto fare la stylist.
La resident stylist per Rolling Stone.
Rolling Stone America ovviamente.

Si perché se così fosse io non avrei dubbi su chi mettere sulla Cover del September Issue, ovvero il numero più importante dell’anno.
Cat Power, ofcourse.
Cat così erroneamente bionda e nonostante questo e appunto per questo: perfetta.
Oh Cat ma com’eri rock ieri sera.
Così bionda, così magica, così in controluce, e così in ritardo, ma va bene così.
Perfetta: perché accendi l’incenso prima di iniziare.
Perché accanto al microfono hai la tua tisana alle erbe ma si vede che ti sei appena bevuta almeno due vodka tonic.
Ed è per questo che ti amiamo così tanto:; perché anche noi, dopo ogni cena a base di polenta uncia e ogni Plastic, ci mettiamo sopra un tè caldo, nonostante i 40°C percepiti, nonostante magari il nostro fegato stia facendo le capriole, nonostante abbiamo ancora in bocca il ghiaccio della nostra Gimlet.

Raf, Dior Haute Couture, tutta per te.
Ti vestirei in Dior Haute Couture e aggiungerei un chiodo di Balenciaga.
Scriverò anche a Slimane che ti faccia sua nuova e indiscussa musa della prossima campagna pubblicitaria.
Mi occuperei ovviamente anche del cibo e ti preparerei tante Pavlove mignon piene di mirtilli rossi e granita alla camomilla.*
Il resto è stato il Carroponte a metterlo: pizza alla marinara e birra bevuti seduti su panche improvvisate, amici belli, e una notte stellata.
Musica buona, i tuoi accordi, sorrisi.
Shorts e capelli che sanno di piscina.

Gipsy in versione rock. Photo Courtesy: Gigio.

I cellulari disconnessi, non c’era modo di condividere nulla con Instagram o con tutto il social da cui siamo travolti: prima non c’era rete, poi il 10% di batteria ha fatto il resto.
Tutto quello che ho vissuto, le lacrime durante Lived in Bars, il profumo di sigarette e citronella, note cantate e sussurrate, ecco tutto questo è stato condiviso con le fantastiche anime che erano lì, e con me , come un ricordo indissolubile.
Il chiudere gli occhi e sentirsi esattamente dove si deve essere, senza un dubbio, con tanto da sistemare ancora, un cuore un po’ stropicciato dalla nostalgia, ma la felicità di amare quello che si è, sana accettazione dei propri limiti che si trasformano in traguardi, ormai alla nostra portata.
Vogliamo fiori davanti alla nostra porta e caffè americani annegati in latte di riso.
E’ estate ed è un’estate che vorrei non finisse mai, per citare i Negramaro.
E’ un’estate in cui smetti di pensare e ogni problema diventa leggero e sfuma come una nota diretta verso una melodia che ci accompagna in un abbraccio.
E’ un’estate dove le canzoni più opposte si mischiano per creare una musica nuova, un mix esplosivo che vorresti in loop.
E’ un’estate fatta di magliette a righe e gonne leggere, di parole fino tarda notte, di gelati pieni di stracciatella alle 3 di pomeriggio.
E’ la nostra Estate.
Che sappia di baci alla fragola, di mare, di Sole, di musica.
Del nostro cuore.

* Granita alla Camomilla
300 ml di Acqua
30 gr di zucchero
50gr di Camomilla
30 gr di miele all’arancio
fiori di lavanda essiccati
1 foglio di COLLA DI PESCE
Portare a bollore l’acqua con lo zucchero, e aggiungere la camomilla. Lasciarre in infusione per 30 minuti, filtrare e aggiungere la colla di pesce. Lasciare raffreddare e aggiungere il miele e la lavanda.Congelare il tutto per circa 4 ore, avendo cura di girare ogni mezz’ora.
print

Print

14 Comments

Load More

Leave a Reply

Your email address will not be published.