Categoria | Favole di Cucina| Home
img

Clafoutis di more e mele

difficoltà: Facile
porzioni:
55 minuti
Ingredienti

Staccante per la pirofila
200 gr di more
200 gr di mele
100 gr di zucchero
3 uova
50 gr di mandorle
90 gr di farina
200 gr di latte di cocco
Vaniglia

Passaggi

Montare le uova con lo zucchero.Aggiungere farina e vaniglia quando le uova saranno diventate un composto spumoso e soffice, doppio del volume iniziale. Aggiungere infine il latte. Imburrate la vostra pirofila e cospargetela di zucchero. Infine disponete le more, le mele e le mandorle fino a coprire tutto il fondo. Disponete la pastella e infornate in forno statico a 180° gradi per 55 minuti.

DANCE IN THE KITCHEN

 

print

Clafoutis di more e mele.

 

Pioveva quella mattina, e stava piovendo da giorni ormai. Brie era impaziente e imbronciata. Non ne poteva più di quella pioggia che la obbligava a stare a casa senza poter fare le sue scorribande con gli amici di sempre, Baffo e Riccio.
Brie guardò la sua mamma, e sconsolata le disse:
“Mamma, io odio la pioggia!”

La mamma sorrise alla sua stella, e le rispose:
“Stella mia, sai che le persone migliori sono quelle che ridono mentre piove?”
Brie non sembrava convinta, così la mamma continuò.
“Mentre piove, si possono fare un sacco di cose: si può bere tè caldo mentre si ascolta il gran concerto che la pioggia che cade sui tetti ci regala. Si possono fare collane di bottoni e preparare torte di more. Si deve sperare in temporali che il tuono altro non è  che quel furfante del Signor Vento che corre in carrozza con le nuvole. Si può uscire con la manteca e gli stivali e fare a gara su chi trova le pozzanghere più profonde..”
“Inoltre, tu come ti senti dopo un bel bagno caldo e profumato?”
Brie sorrise, e pensò a quella sensazione. Rispose:
“Felice e rilassata”

“Vedi piccola mia, così anche i prati, le colline, gli alberi, l’erba…la pioggia è il bagno caldo che Madre Natura regala alle sue creature: le rende felice e rigenerate attraverso l’acqua.E’ per questo che i contadini quando piove sono felici. Perché poi le piantine sono contente e le piante contente regalano sempre ottimi frutti!”

Mentre parlava la mamma iniziò a sbucciare le mele, lavò le more selvatiche raccolte il giorno prima nel bosco e mischiò il tutto con farina, uova e zucchero: clafoutis di more e mele.
Nella casa il profumo del dolce si mescolò alla legna che scoppiettava nel camino. Brie si guardò intorno: il suo papà era nell’altra stanza che giocava a scacchi mentre fumava la sua pipa. La mamma canticchiava allegra e fuori la pioggia regalava nuovi colori alla natura.
Brie decise che quel pomeriggio avrebbe disegnato dinosauri e fatto collane di bottoni da regalare alle sue amiche, come fossero un tesoro che si trova alla fine dell’arcobaleno.

print

Leave a Reply

Your email address will not be published.