Categoria | STORIE DI VINI | Home

Julia Roberts, Kyr Royal e Champagne

Dalla nostra redazione, la nostra Sommelier Gloria Ines Colombo
Che lo champagne si beve con le fragole ce lo ha insegnato Julia Roberts in Pretty Woman.
A quei tempi però non credevo che lo champagne potesse essere un ingrediente da cocktail.
Nel caso specifico pensavo fosse lo champagne-principe azzurro a dare qualcosa in più alle fragole-cenerentola e non viceversa.
Cambiai presto idea.
Destinazione Saint-Tropez, in fuga dalla città con la Gipsy per una tre giorni di mare, libri, tarte au citron e Kir Royal a pioggia (in versione deluxe, Ruinart, ribes e lamponi). Lì compresi che lo champagne con la frutta ci sta benissimo, come la panna sulla Saint Honoré.
Ora, passi la frutta, ma il ghiaccio??
Se aggiungere cubetti di ghiaccio in un calice di Dom Perignon può suonare ai calvinisti della bollicina come un’imprecazione in chiesa, in Champagne stanno invece lanciando sul mercato vini che si bevono così…sur glace, con una fetta di pompelmo e una scorza di bergamotto per far vibrare l’acidità del vino ed esaltare la freschezza di una serata allo yacht club.
“Champagne piscine”
Con questa definizione i Francesi evocano un’esperienza edonistica, grafica e visiva che trascende il prodotto in sé e che, rovesciando i paradigmi tradizionali, crea un nuovo modo di bere.
E’ uno stile che si nutre di suggestioni, che aggiunge magia alla magia.
Tra i virtuosi d’oltralpe, Nicholas Feuillatte è la più giovane tra le Maison.
Protagonista di una crescita vertiginosa che l’ha portata ad affermarsi come il terzo brand più bevuto al mondo.
Tra le sue proposte per l’estate spicca Graphic Ice Silver
Una bottiglia vestita d’argento, concepita per catturare e riflettere i giochi di luce.
Blend in prevalenza Pinot Meunier e Pinot Noir con un tocco di Chardonnay.
Da 2 a 3 anni di affinamento in cantina.
Audace e seducente, si tinge di oro leggero nel cristallo.
Il solletico sulle labbra che sfiorano il ghiaccio.
Il profumo di fiori calibrato ad arte per completarsi nell’acidità degli agrumi.
E infine il miele, che si stempera come acquerello nella freschezza di un calice che canta la joie de vivre.
Abbinamenti ideali? Poolparty, beach club, vacanze in barca e ovunque ci sia sopra di voi un cielo carico di stelle.
print

Print

Leave a Reply

Your email address will not be published.