Categoria | DESIGN | Home

L’Arte di prendersi cura di sé

Dalla nostra redazione Serena Salghini

Vi capita mai di sentirvi in colpa quando osate rallentare? In questo bellissimo video Susan David parla dell’agilità emotiva: dobbiamo comprendere e rispettare le nostre emozioni perché è il nostro mondo interiore a plasmare tutto ciò che conta davvero nella nostra vita. E per farlo è necessario fermarsi, ascoltarsi e accettare ciò che proviamo. Ci hanno sempre insegnato a essere razionali, a giudicare e reprimere ciò che è ufficialmente considerato “negativo”, ma questo atteggiamento non pone le basi per una felicità autentica e consapevole.

È per questo motivo che la mia parola di quest’anno è Cura. Una parola che ha le tinte rilassanti del blu. Ma la domanda è: esiste una via per riuscire a prenderci cura di noi stesse, oggi?

Secondo Elsa Punset e Il libro delle piccole Rivoluzioni, non ci vogliono grandi gesti: a fare la differenza sono quelli quotidiani, semplici, quasi impercettibili nel loro silenzio, eppure allo stesso tempo così essenziali. Ecco allora che cosa significa davvero prendersi cura di sé: imparare ad ascoltarci, non avere paura dei nostri desideri, regalarci ogni giorno un’attenzione diversa per evolvere e guarire le nostre ferite invisibili. È il paradigma concreto dell’amore, un amore che come diceva Gaber diventa “materia, terra, cosa”.

Ecco alcuni modi per imparare a farlo ogni giorno:

Ricordati di respirare.

Quando senti il bisogno di rilassarti concentrati sul ritmo del tuo respiro. È un rimedio davvero semplice, ma efficace: inspira mentalmente contando fino a quattro. Poi espira, sempre contando fino a quattro.

5 minuti di yoga al mattino.

Sceglilo come un rituale quotidiano, al risveglio. Quando sei ancora in dormiveglia, rimani distesa a pancia in su e unisci le piante dei piedi aprendo le ginocchia verso l’esterno. Metti una mano sull’addome e l’altra sul petto e comincia a respirare profondamente con il naso. Mentre inspiri ed espiri dovrai sentire le tue mani alzarsi e abbassarsi.

Scegli la leggerezza.

Il segreto in fondo non è sempre quello di lasciar andare? Nello yoga la leggerezza può essere raggiunta con la posizione della foglia: il corpo si rilassa e, se riesci a tenere l’asana a lungo, sembra che diventi all’improvviso leggerissimo, proprio come una foglia.

Pratica il silenzio.

Spegni il cellulare, vai in un luogo tranquillo e chiudi gli occhi. Ascolta il rumore dei tuoi pensieri e impara a lasciarli andare. È il modo migliore per riconnetterci con noi stesse e i nostri bisogni reali, sospendendo tutto il resto e tessendo la nostra dimensione nel mondo.

Ritrova il contatto con la natura.

La chiamano Forest Therapy. Consiste in una vera e propria immersione nella natura passeggiando nel bosco per un paio d’ore una volta alla settimana. E anche diversi studi la considerano una terapia davvero efficace per alleviare lo stress e l’ansia, migliorare l’umore e l’autostima. Quest’estate, la tua routine quotidiana può essere quella di camminare a piedi nudi sull’erba, a contatto con l’energia della terra.

Chi sei davvero?

Scrivi una lettera a te stessa. Ma non mentire: quali sono i tuoi reali obiettivi? Senti il bisogno di cambiare? Quali sono i sogni che hai lasciato nel cassetto?

Rimani centrata.

Significa non perdere di vista l’insieme dei nostri valori e priorità venendo travolte dal vortice dei mille impegni del mondo esterno. Puoi aiutarti con queste posizioni yoga che rafforzano la stabilità e l’equilibrio del corpo, aiutando di conseguenza la nostra colonna vertebrale emotiva.

E voi, avete già pensato a come prendervi cura di voi stesse quest’anno?

print

Print

Leave a Reply

Your email address will not be published.